Ricevi pochi Like o hai poche condivisioni sui social?

L’argomento di oggi è…stai dando quanto vorresti ricevere?

Ora  di  come ottenere le cose che vuoi nella vita.

Molto spesso quando seguo le persone sui social media oppure quando ho dei clienti, mi sento dire: “non ricevo abbastanza Like nei miei post. Non sto ricevendo abbastanza condivisioni. Non ricevo abbastanza commenti” a cui rispondo: “Beh, ti piace, commentare e condividere i post degli altri?” e la loro risposta: “Oh, no, no, non ho tempo per quello“. Vedi il problema è qui!

Non puoi aspettarti di ottenere qualcosa se tu a tua volta non stai dando nulla, ora ovviamente questo si applica anche nelle relazioni, per esempio se non dai amore, è difficile riceverne. Se non rispetti le altre persone, di solito non otterrai rispetto dagli altri, e così via. Ma la stessa cosa vale anche in tutte le altre aree della tua vita, specialmente quando si tratta di social media. Se vuoi attirare più attenzione, più interazione sui social media, allora dovresti ricambiare, dovresti fare la stessa cosa con le altre persone.

Quindi una delle cose migliori che puoi fare prima di iniziare una Facebook Live o prima di pubblicare qualcosa sui social media è andare a riscaldare i social media, che tu sia su Facebook, su Instagram o prima di iniziare un video dal vivo, devi lasciare dei commenti su almeno 20 post di altre persone, condividerne anche un paio o magari pure in un gruppo sulla tua pagina del tuo profilo o altro. In questo modo, la gente noterà che “wow, gli piacciono i miei post. Sta condividendo i miei post. Sta commentando i miei post“. Pertanto, quando vai in diretta, c’è una maggiore possibilità che queste persone ti ricambino e dicano: “Ehi, mi piacciono anche i sui post. Commenterò anche i sui post. Condividerò anche questi post.

Quindi è molto importante dare ciò che vuoi ottenere. Se vuoi ottenere più attenzione devi prestare più attenzione, se vuoi ottenere più Like devi dare più Like e in questo modo otterrai risultati molto migliori nella tua attività. Lo stesso vale se vuoi lavorare con il tuo team e i clienti. Quindi, se vuoi più amore e più rispetto da parte dei tuoi clienti o membri del team, allora devi dare più amore e rispetto a tutti loro. Se vuoi più attenzione da loro, devi prestare più attenzione. Quindi funziona davvero così. E a volte, non è la stessa persona a cui dai che otterrai qualcosa, l’universo ha i suoi modi imperscrutabili di funzionare.

A volte ti capiterà di dare qualcosa a una persona e ne riceverai invece da un’altra. Accade anche questo. Quindi non aspettarti di ottenere dalla persona a cui dai, “le ho dato qualche attenzione, perché lei no sta facendo la stessa cosa“. Non ti arrabbiare, non farlo. Invece, dai a tutti la tua attenzione. Dai a tutti il ​​tuo supporto. Dai a tutti il ​​tuo incoraggiamento e l’incoraggiamento arriverà anche a te. Vedrai, provare per credere!

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

Quanto ti costa NON CONOSCERE qualcosa?

Oggi vorrei parlarti dei danni che faresti a te stesso se non investi nella crescita professionale.

Molto spesso quando parlo alle persone dello sviluppo personale, della lettura di libri, della frequenza ai corsi, della partecipazione agli eventi, la gente dice sempre: “Oh, ma sai, costa un sacco di soldi. Costa questo denaro per partecipare a questo evento, costa un sacco di soldi per acquistare questo corso di formazione. Costa un sacco di soldi per fare questo, quello o l’altro“. Capisco, tutto costa denaro e tutto è un investimento. Può esserlo anche per me, che si tratti di un libro o di una formazione o di un corso, ma alla fine per me non è un costo ma si tratta di investimenti. Comunque tu la pensi, è un investimento, devi spendere soldi per questo!

Tuttavia, una delle cose migliori che abbia mai sentito quando si tratta di acquistare corsi di formazione, è stato qualcuno che ha detto: “Beh, capisco che costa così tanto, ma quanto ti costa non saperlo?

Ci hai mai pensato? Quanto ti costa non sapere come fare soldi su Instagram? Quanto ti costa non sapere come massimizzare l’uso di Facebook? Quanto ti costa non sapere come impostare un chatbot sulla tua pagina Facebook? Capisci?

Molte di queste cose potrebbero effettivamente farti guadagnare soldi, semplicemente se lo hai imparato, se sapessi come funziona e se lo studi. Sfortunatamente, la maggior parte delle persone è più brava a trovare scuse che a trovare il tempo per studiare qualcosa. E tu sai una cosa? Molte volte, non deve nemmeno costarti soldi. Deve solo costarti tempo e fatica perché il 99% delle cose che devi imparare, il 99% delle cose che non sai come fare, le puoi andare a trovare su un sito web molto speciale e cercare tutte le risposte. Vuoi sapere qual’è il sito speciale? Vuoi che ti dica il nome del sito web speciale dove puoi trovare tutte le informazioni utili? Vorresti? Va bene, te lo dirò ma non dirlo a nessuno. Va bene. È un segreto.

Il sito Web è www.google.com. Si chiama google.com. Oh, ne hai sentito parlare? Si. Bene, questo è il sito web, google.com. Se vai su Google, puoi trovare una risposta a quasi tutto. Come configurare la tua pagina Facebook? Come mettere un video su YouTube? Come fare questo o quello. Ancora meglio, puoi andare su YouTube e porre la stessa domanda lì e otterrai un video. Quindi non è nemmeno scritto, non devi nemmeno sforzarti a leggere… perdere tempo a leggere perché? potresti davvero guardare un video di qualcuno che lo ha già fatto. E poi devi solo rifare quello che ha appena fatto lui. E puoi imparare il 99% di cose del genere.

Sì, puoi acquistare corsi a pagamento e avrai tutto più conciso in un unico posto, ma un mucchio di informazioni che puoi comunque trovare gratuitamente. Ma troppe persone sono alla ricerca di scuse e troppe persone stanno trovando ragioni per cui:

Oh, sono troppo occupato. Non ho tempo di guardare un video su YouTube. Non ho tempo di andare su Google. ” E poi dicono: “Ma non so come farlo. Non so come fare.

Bene, qual è la tua scusa? Perché non lo sai? Voglio dire, Google non è appena uscito. Google e YouTube sono lì da un bel po’, avresti potuto andare a guardare 10 – 15 – 20 video fino a quando non capisci e impari quella determinata cosa che cerchi, quindi vai e usali.

Quanti soldi hai già perso, non imparando certe cose, non imparando a costruire il tuo business, non imparando come reclutare persone, non imparando a vendere prodotti, non imparando come impostare il tuo sito web? Ci sono così tante cose che altre persone usano per fare soldi su cui stai perdendo soldi perché non hai investito il tempo o non ti sei sforzato per imparare a fare quella cosa. Mi stupisce e, ehi, nemmeno io sono perfetto. Avrei potuto guadagnare molti più soldi se avessi iniziato a studiare, se avessi iniziato a investire in me stesso, molto, molto, molto prima e avrei potuto comprare ma non l’ho fatto. Ho aspettato, non so che cosa poi. Ma ora mi stupisce solo quanto è facile imparare le cose, quanto è facile scoprire le cose e applicarle nella tua attività e iniziare a vedere grandi risultati abbastanza velocemente.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

Le persone che sono SCETTICHE potrebbero essere il tuo punto di forza

Perché le persone scettiche possono essere quelle su cui fare più affidamento nel Network Marketing?

Bene, molto spesso quando frequento eventi di formazione, quando ascolto testimonianze, quando guardo persone sul palco del network marketing, eventi di leadership e cose del genere, indovino molto spesso ciò che diranno. Molte volte sento persone dire: “Ero così contrario al network marketing, e ora sono un leader dell’azienda, migliaia di persone all’anno… Ero contrario al network marketing e ora sono come il primo nella mia azienda“.

Questa storia l’ho sentita così tante volte che ho iniziato a chiedermi, hmm, c’è forse qualcosa da imparare qui, vero? Perché a volte puntiamo solo alla frutta bassa. Reclutiamo subito le persone che dicono di sì. “Oh si. Sì, mi unirò alla tua squadra. Sì, nessun problema“,  ma per qualche ragione, le persone che dicono di sì a tutto, molto spesso non fanno così tanto.

Le persone, che sono facili a dire di sì, molto spesso dicono di sì a tutto e poi hanno così tante responsabilità o così tante cose da fare che in realtà non fanno molto. Ma la persona che dice di no a ogni opportunità di marketing di rete, o la persona che dice di no a ogni azienda, una volta che entra nella tua squadra, quella persona è solida. Sono quelle persone che restano per sempre, ci sono per fare qualche soldo serio.

Queste persone, una volta che decidono di entrare in un’azienda di network marketing, non guardano indietro, non guardano a destra o a manca, ma guardano solo avanti. Quindi qual è la lezione in questo? Bene, la lezione è che quando ti rivolgi alle persone, quando stai cercando persone per la tua attività, probabilmente incontrerai persone di buona qualità di alto livello che molto probabilmente ti diranno no, almeno alla prima volta.

L’idea è di pensare a come si può costruire una buona relazione con quella persona, abbastanza da poterla avvicinare al tuo gruppo perché ricorda, una persona che è contro il network marketing o che dice “mai nella mia vita“, se riesci a coinvolgerla, di solito diventerà la migliore sostenitrice del network marketing. L’ho sentito dire così tante volte che alcuni dei più grandi leader nel settore del network marketing, erano proprio quelle persone che in passato dicevano: “non avrei mai fatto questa attività“.

Ora, queste sono le persone che guadagnano milioni all’anno. Non sto dicendo che devi andare a supplicare le persone o che devi convincerle a entrare in società o giù di lì, quello che sto dicendo se qualcuno è una persona di buona qualità, sono quelle del tipo “Oh, no, no , nessun network marketing non fa per me“, ma tu sai invece che potrebbero fare tremendamente bene. Probabilmente c’è un potenziale nel costruire una collaborazione con quella persona e forse far loro provare prima il tuo prodotto e non il business, magari invitandolo a un evento è il modo più adatto per avvicinarle e di fargli dire che c’è qualcosa di interessante in tutto questo.

Quindi quello che ti sto dicendo è di costruire relazioni e non rinunciare troppo velocemente a persone di buona qualità, perché non sai mai cosa può accadere nella tua azienda quando quella persona un giorno decide: “Sai cosa, la mia situazione cambiata, o… la mia vita è cambiata o qualcosa del genere. Sono pronto adesso“. Quella persona probabilmente penserà a te che sei sempre stato gentile con lui, e che gli hai sempre dato solo cose positive quindi deciderà di parlare dell’attività. Tutto ciò potrebbe semplicemente cambiare la tua attività e la tua vita.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

10 Cause di Fallimento nella Leadership

Oggi ti voglio raccontare quali sono le 10 cause che portano al fallimento nella leadership. Ho riletto il buon vecchio libro Thinking and Grow Rich di Napoleon Hill, e ti assicuro che è una miniera d’oro. E così ho voglia di condividere una delle lezioni o uno dei capitoli del libro, che spiega quali sono le 10 principali cause di fallimento nella leadership, e anche se il libro è stato scritto quasi un secolo fa, le regole si applicano ancora oggi. La maggior parte di quelle cose si applica ancora oggi. Quindi diamo un’occhiata a queste 10 cause di fallimento che conosci, perché molto spesso impariamo il successo, cerchiamo il successo, il successo lascia indizi, ma indovina un po’? Anche il fallimento lascia indizi. Quindi, se cerchi solo il successo, a volte potresti perdere ciò che invece stanno facendo le persone che non lo trovano. Pertanto è bene imparare entrambe le situazioni in modo da sapere cosa fare e cosa non fare.

Il numero uno o una delle cause del fallimento della leadership è l’incapacità di organizzare i dettagli. Come leader, devi imparare a organizzarti, a organizzare altre persone, eventi e così via. Se ti manca l’organizzazione, sarà molto più difficile essere un leader efficace.

Il numero due è la riluttanza a rendere il nostro servizio umile. Ora un servizio umile, cosa significa? Significa dove vincono tutti. Organizzi la tua attività in un modo che tutti possono uscirne vincitori, soddisfatti? Non solo vinci tu, ma vince anche il tuo cliente, vince il membro del tuo team, vinciamo tutti insieme. Se riesci a costruire un’attività in cui tutti vincono, allora è molto meglio, ti sentirai meglio, sarà molto più etico e molto più in linea con i tuoi valori e saprai che stai dando un servizio genuino.

Numero tre, aspettativa di essere pagati per quello che sappiamo, anziché per quello che si fa sulla base di quello che conosciamo. È grande, vero? Quante persone dicono: “Beh, so tutto. Sono stato alla formazione, sono stato alla presentazione, come mai non sto facendo soldi?”, semplice perché non stai applicando quello che sai. Una cosa è sapere qualcosa e un’altra completamente diversa è fare ciò che sai. Se la conoscenza fosse la chiave, tutti sarebbero ricchi, sani e felici perché tutti sappiamo cosa fare per essere sani. Mangia sano, fai esercizio fisico, fai tutto questo, ma poi facciamo quello che sappiamo? Sappiamo tutti cosa fare per essere ricchi. Ma alla fine lo facciamo?

In quarto luogo, la causa del fallimento della leadership è la paura della concorrenza. Paura dei concorrenti. Quanto spesso accade? Oh, qualcuno ha rubato il mio post. Oh, qualcuno ha rubato la mia foto. Avere paura che qualcuno ti rubi qualcosa è un segno di mancanza di leadership, è un segno di insicurezza. Pensi che non ci siano abbastanza persone nel mondo, che non ci siano abbastanza clienti nel mondo, che non ci siano abbastanza soldi nel mondo? Ma sappiamo che ciò non è vero. Sappiamo che c’è abbondanza. Ci sono abbastanza soldi per tutti. Ci sono abbastanza clienti per le aziende. Ci sono abbastanza distributori per le aziende, ma più avrai una mentalità poco elastica, più le cose ti mancheranno perché ne hai paura.

La quinta ragione del fallimento della leadership è la mancanza di immaginazione. Ehi, non tutti sono così fantasiosi e creativi come quell’altra persona. Tuttavia, puoi sviluppare queste cose. Se sei a corto di idee, perché non leggere un libro, perché non guardare un video, perché non parlare con il tuo sponsor o con il tuo mentore. Quindi più comunichi con altre persone, più idee riceverai, più imparerai. E in questo modo, l’immaginazione non sarà un problema.

E anche parte dell’immaginazione è essere intraprendenti. Devi sapere che pochissime persone falliscono negli affari perché mancano le risorse. Ma molte persone falliscono negli affari, perché non sono intraprendenti. Non cercano informazioni. Non trovano informazioni. Quante persone si bloccano perché dicono a se stessi che non sanno come farlo. Bene, invece di dire, non so come farlo, perché non andare su Google? Perché non andare su YouTube e trovare le informazioni che è necessario trovare per ottenere ciò che si desidera ottenere? Invece di incrociare le braccia e dire: “Ah, non posso farlo, o non lo capisco.

Il motivo numero sei per l’insuccesso della leadership è l’egoismo. Nessun vero leader può essere egoista. Perché se sei egoista, è solo una questione di tempo prima che la tua gente, la tua squadra, le persone intorno a te lo capiranno. Se ce l’hai, sbarazzati di esso, trova il modo di contribuire al bene degli altri, trova il modo di essere felice per gli altri, non solo per te stesso, perché ci sono molti leader che sono felici solo quando vincono loro, apriti cielo se non vincono, subito saranno infelici. Non importa che il membro del team stia vincendo, non importa che il team stia facendo soldi, ma se non ne trarranno beneficio, saranno feroci e si arrabbieranno. E questo è, ancora una volta, un segno di mancanza di leadership.

Il numero sette è l’intemperanza. Perdere la calma, arrabbiarsi con le altre persone, scagliarsi contro altre persone, è di nuovo una mancanza di leadership perché un vero leader sa come ricomporsi, un vero leader sa essere diplomatico, un vero leader e sa come fermarsi per un momento, inspirare, espirare, pensarci per un minuto e poi valutare se attaccano o dovrebbero lasciarlo andare? Quindi, di nuovo, l’intemperanza è un segno di mancanza di leadership.

Numero otto. Il motivo della mancanza di leadership è la slealtà. Dicono che ci vuole molto tempo per costruire una reputazione, ma si può perderla in un attimo. Puoi perderla in un giorno, perché non appena sei sleale, non sei fedele alla tua azienda, alla tua gente, alla tua leadership, allora le persone non si fideranno più di te. Essere sleali è un’enorme mancanza di leadership.

La ragione numero nove del fallimento della leadership è l’enfasi sull’autorità della leadership, abusare dell’autorità con idee del tipo: “Ehi, sono il tuo capo, ehi, ascoltami“. Quindi usare l’autorità per affermarsi significa forzare la tua leadership. Esistono due tipi di leadership, la leadership della forza e la leadership riconosciuta dalla squadra.

Come già conosciamo dalla storia, la leadership imposta con la forza non funziona molto bene, non dura molto a lungo. Tutti i dittatori, tutti i re e gli imperatori, alla fine non sono stati ben acclamati, perché le persone odiano essere costrette a seguire qualcuno. Dall’altra parte, la leadership di comune accordo è la leadership che può durare 1000 anni perché se la gente ama il proprio leader, se la gente vuole seguirlo, lo seguirà per il resto della vita.

E infine l’ultimo punto, il decimo è l’enfasi che si pone al proprio titolo. Appellarsi come: “Ehi, sono il capo. Ehi, assicurati di mostrarmi rispetto, assicurati di srotolare il tappeto rosso per me, assicurati di darmi un servizio speciale“, ciò dimostra ancora una mancanza di leadership perché un vero leader è un leader umile. Il vero leader non richiede amore, non richiede rispetto, non richiede attenzione, lo ottiene in virtù dell’essere leader. C’è una grande differenza, ma molte persone non lo capiscono. Ricordo di aver letto una storia su uno dei re in Africa dove suo figlio scrive del padre, e dice:

Quando mio padre andava all’incontro con tutti gli altri saggi, anziani e gli altri capi, parlava per ultimo. Ascoltava tutti e lasciava che si esprimessero e poi alla fine parlava per ultimo “.

Altri dicono che il leader mangia per ultimo. Ma quanti leader conosci chi sono i primi a mangiare? Chi sono i primi a ottenere tutto per se stessi mentre la squadra può aspettare? Questo non è un segno di grande leader. Un grande leader è colui che lascia per primo gli altri, è colui che prima presta attenzione agli altri, è colui che si prende cura per primo delle altre persone.

Quindi queste sono le 10 cause che fanno fallire la leadership, potresti riconoscerti in alcune di queste, oppure potresti essere bravissimo in tutte e 10. Io so che devo lavorare su alcuni di questi, ma ancora una volta, è un processo senza fine di auto-miglioramento.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

A Chi Ti Stai Adeguando?

Con questo intendo di adattarsi al ritmo di qualcun altro.

L’argomento di oggi è riferito a chi ti stai adeguando?

Quindi cosa intendo? Bene, quando due persone iniziano a camminare, non importa se lo stai facendo con i tuoi figli, con tua moglie o marito, un amico o un estraneo, non importa, quando due persone iniziano a camminare insieme, accade una cosa interessante senza che nessuno dica nulla. Quello che succede è che l’una o l’altra persona si adegua al ritmo del passo dell’altra persona. L’hai notato? Le persone non camminano una più veloce e una più lenta. Di solito quando le persone iniziano a camminare insieme, abbinano molto rapidamente il ritmo e di solito si adattano al ritmo dell’altra persona e poi iniziano a camminare alla stessa velocità, allo stesso ritmo.

Non c’è niente di sbagliato nel farlo anche quando lavori, tuttavia, quello di cui ti voglio parlare è, a quale ritmo ti stai adattando nella tua vita? Perché vedi, quando sei nato, sei come un quaderno bianco, ma quando inizi a crescere, quando inizi ad andare a scuola, magari poi all’università, oppure  quando cominci a lavorare, mentre fai amicizia, ciò che accade è che inizi a essere influenzato dal mondo esterno.

E molto spesso le persone lasciano che il mondo esterno determini il loro ritmo. Quindi permettono ad altre persone di dire loro cosa dovrebbero o non dovrebbero fare. Consentono ad altre persone di dire loro che a causa del loro genere, dovrebbero o non dovrebbero fare qualcosa, consentono a causa della loro nazionalità, cosa dovrebbero o non dovrebbero fare oppure consentono ad altre persone di decidere su cosa votare e quindi di definire il ritmo della propria vita. Accettano di norma quello che gli viene passato perché nella loro testa ormai si è instaurato il processo di auto convincimento del tipo:

“ma i miei insegnanti mi hanno detto così – Mi è stato detto così da mia moglie o da mio marito – I miei genitori mi hanno detto così”, e queste persone accettano questa “verità”, quando in realtà è solo l’opinione di qualcun altro.

Non dovresti lasciare che la tua vita sia gestita dall’opinione degli altri su di te, perché l’opinione degli altri su di te non ha nulla a che fare con ciò che puoi o non puoi fare. Indovina di chi è l’opinione più importante? La tua, naturalmente! Ma vedi molte persone, ciò che pensano sulla loro opinione, in realtà sono invece le storie che hanno acquisito dall’educazione, da altre persone, dalla famiglia e hanno accettato l’opinione di altri come fosse la propria realtà, e ora vivono in una vita in cui dicono: “Non posso, non sono abbastanza intelligente. Non sono abbastanza bravo. Non sono abbastanza giovane. Non sono abbastanza grande“. Hanno solamente questo nella loro testa, il che non è vero. È una bugia. Questo significa che hanno adattato il loro ritmo a quello di qualcun altro.

Ti sei adattato a qualcun altro che ti diceva come dovresti o non dovresti essere? Non farlo mai. Non sei una pecora che deve seguire, non sei solo un ingranaggio della macchina, non sei solo un pezzo di qualcosa, sei tu stesso. Hai la tua mente, perché non usarla? Perché non prendere una decisione? Perché non prendere le tue decisioni per il tuo destino e scegliere cosa vuoi fare?

E come puoi allora decidere che cosa dovresti  fare o non fare? Prova ora ad immaginare la sensazione che proveresti. Immagina la sensazione che ti rende felice perché alla fine della giornata, abbiamo tutti obiettivi e ambizioni diversi. E voi che leggete questo, alcuni di voi potrebbero desiderare un’auto sportiva, alcuni altri potrebbero desiderare una bella casa, altri ancora potrebbero voler viaggiare per il mondo, alcuni invece potrebbero voler avere 10 figli, mentre altri non vogliono avere figli o qualunque cosa sia.

Ma se tu te lo chiedessi, perché lo vuoi? Potresti dare una spiegazione superficiale, ma se scavi in profondità e dici: “Ma perché, ma perché, ma perché?” alla fine, sai cosa farai, arriverai al punto in cui dirai, “perché mi farà stare bene”. Ecco, perché facciamo qualsiasi cosa nella nostra vita per sentirci bene, per sentirci felici. Quindi indovina quale filtro dovresti usare per filtrare tutto quello che succede nella tua vita? Questo mi rende felice? Questo mi fa stare bene? E se stai facendo qualcosa che non ti rende felice o che non ti fa stare bene? Perché diavolo lo stai facendo? O anche, perché rende felice mia moglie. Oppure, perché rende felici i miei genitori, o anche perché rende. Che cosa?

Non sto dicendo: “Sii ignorante e rendi tutti infelici” ma se non ti senti felice, se non ti senti bene, non pensi che sarebbe una buona idea discuterne con l’altra persona e dire:

“Ehi, questa cosa non mi fa davvero sentire contento”. E sono sicuro che l’altra persona, se si prende davvero cura di te, dirà: “Ascolta, cambiamo qualcosa perché se non ti fa sentire felice, se non sei felice, allora facciamolo un modo in cui lo sarai”.

Ha senso. Ma troppe persone vengono messe in questa ruota del criceto, continuano a correre e non sono felici. E sono miserabili. Ma continuano a correre perché qualcuno li ha messi nella ruota del criceto e li fa girare. E continuano a farlo. Sta quindi a te fermarti, guardarti intorno e dire: “Mi fa veramente sentire felice? Mi va bene così?” e se non lo è, cambia allora qualcosa. Va bene. Sei tu la tua persona. Hai tu in mano la tua vita, e solo tu puoi farlo nel modo in cui vuoi che sia.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

Siamo nati UNICI ma molti muoiono come COPIE

Il tema di oggi è come essere unico o di essere originale, rispetto ad essere una copia.

Il titolo del post di oggi è che siamo tutti nati unici, ma molti di noi muoiono come copie.

E suppongo che al giorno d’oggi sia persino più facile di quanto non fosse prima a causa di tutti i social media. Prima di vedere solo persone nella tua cerchia, vedevi solo i tuoi amici, la tua famiglia, i tuoi colleghi di lavoro, ma ora sei in contatto con il mondo intero. Prendi il tuo telefono, vai su Facebook o Instagram o su uno qualsiasi degli altri social media e indovina un po’? Vedi il mondo intero, vedi tutti, quindi vedi cosa indossano, cosa dicono, cosa comprano tutti.

E quello che succede è che lentamente ma costantemente, perdiamo la nostra unicità perché vediamo: “Oh, Anna lo sta facendo ed è popolare. Quindi devo farlo anch’io. Vedo che Antonio lo sta facendo e sta ricevendo molti Mi piace, quindi devo farlo anch’io”. E lentamente, diventiamo tutti copie di altre persone. Diventiamo tutti copie di celebrità o leader di pensiero e cose del genere. E non fraintendermi. Non c’è niente di sbagliato da imparare dalle altre persone. Non c’è niente di sbagliato a studiare altre persone, ma devi avere il tuo stile. Come diceva il buon vecchio Jim Rohn, “Sii uno studente, ma non un seguace“.

Che cosa vuol dire essere uno studente ma non un seguace? Bene, dice: “Guarda, cosa succede se leggi un libro, e quel libro dice, se lo fai, morirai giovane. Ma poi leggi un altro libro che dice, se fai esattamente la stessa cosa, vivrai per sempre ”. Cosa fai allora?

Jim Rohn era solito dire: “Leggi entrambi i libri e prendi una decisione“. Diventa te stesso, hai la tua opinione invece di seguire ciecamente qualcosa, invece di accettare qualcosa senza nemmeno considerarla.

Hai la tua opinione. Hai una tua idea, quindi non c’è niente di sbagliato da studiare da altre persone. Non c’è niente di sbagliato nel modellare anche altre persone che si comportano bene o ottengono i risultati che si desidera raggiungere. Ma devi essere te stesso. Non puoi essere solo un’altra persona. Una delle mie citazioni preferite che ho visto diceva: “Se sarò come tutti, chi sarà come me? ” E la risposta è nessuno. Quindi devi essere come te stesso perché altrimenti non ti avremo nel mondo, avremo solo copie di qualcun altro.

Che si tratti di vita familiare, di affari, di social media o di qualsiasi altra cosa, è necessario mantenere una sorta di propria unicità. E non aver paura, perché molto spesso, quando cerchi di essere unico, quando cerchi di essere te stesso, indovina cosa accadrà? Verrai criticato. Verrai criticato da persone che dicono: “Beh, perché sei così? Perché sei diverso? Perché non sei come tutti gli altri? “. Quindi c’è una grande possibilità che quando cerchi di essere unico, quando cerchi di essere te stesso, verrai criticato. Diranno: “Oh, ha una risata stupida“. Diranno: “Oh, ha uno stupido cappello rosso“, o qualunque altra cosa.

Quando cerchi di essere te stesso il più delle volte, non sarai accettato molto spesso perché tutti vogliono che tutti gli altri siano come loro. Quando sei diverso, potresti essere un po’ criticato, ma devi guardare oltre. Devi superarlo perché se ti attieni a questo, se mantieni la tua posizione, se mantieni la tua unicità, se mantieni la tua personalità, alla fine, questo è ciò per cui sarai conosciuto. Ecco perché le persone inizieranno a seguirti.

Ecco perché le persone inizieranno a copiarti allora perché diranno: “Beh, quella persona è unica. Non sono come tutti gli altri. Non stanno dicendo quello che dicono gli altri. Non sono d’accordo con tutto ciò che tutti gli altri sono d’accordo. In realtà hanno il loro piccolo stile. Quindi questa è la mia raccomandazione per voi ragazzi, specialmente sui social media. Se vuoi avere un risultato diverso, se vuoi distinguerti, a volte devi essere te stesso. A volte devi essere diverso anche se questo significa non essere apprezzato da tutti. Anche questo va bene, ma sii te stesso.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

Non Lo So: La Regina delle Scuse per il Fallimento

Scuse…le ragioni per cui le persone spiegano perché non possono avere successo

Oggi voglio parlarti della più grande balla mai creata nel mondo degli affari. Voglio parlare delle scuse, delle ragioni per cui le persone spiegano perché non possono avere successo negli affari, perché non possono diventare ricche, perché non possono avere successo e così via. E sai qual è uno dei motivi più comuni o scusa che le persone danno, per giustificare che non possono avere successo negli affari e diventare ricchi, è il non lo so.
Oppure anche giustificazioni del tipo non so come farlo, o non posso farlo. È come una di quelle scuse più frequenti che sento e che mi fa impazzire, perché se sei un adulto e la tua scusa per non fare tanti soldi, o per non avere successo negli affari, è una risposta del tipo non so come fare quello. Quindi è praticamente la stessa cosa che dire, non lo so. Questa non è una scusa e ciò non giustifica nulla. Dicendo “Non lo so”, tale affermazione non ti lascia libero, non ti dà il permesso di essere un fallito nella vita, non ti dà il permesso di essere al verde.

Dire Non so, dovrebbe significare solo una cosa, ossia il voler andare a scoprire come risolvere un specifico problema. Non lo so, deve portarti alla naturale conseguenza del, quindi devo andare e imparare, devo andare a capirlo. Questa è l’unica cosa che dovrebbe significare per te. La risposta Non so, non deve essere quindi la scusa per evitare di farlo ora. Non lo faccio perché non so come farlo. Ed è così che la maggior parte delle persone ragiona ed agisce.

Oppure la classica scusa, non so come vendere, come anche non so come reclutare, non so come usare i social media, non so parlare in pubblico, non posso fare questo e l’altro. Ciò significa letteralmente niente. Significa solo “O sto bene, oppure sono al verde. Sto bene ad essere un fallito. Va bene non fare soldi perché non so come farli”. Tutto ciò non ha alcun senso. Indovina invece cosa fanno le persone di successo? Pensi che gli uomini d’affari e di successo sappiano tutto? Sono per caso nati con tutte le risposte già nella loro testa?

Certo che no, ma di sicuro si danno da fare e questo l’hanno capito. E indovina un po’, ora è il momento più adatto per fare tutto questo. Prova solo ad immaginare se tu fossi nato 100 anni fa, prova solo a pensare cosa significherebbe andare in una biblioteca e sfogliare centinaia di libri per trovare informazioni passando magari intere giornate sull’Enciclopedia Britannica per capire come fare quella cosa. Ora ti basta solo visitare un sito Web. Scrivi la domanda, e lui ti da subito la risposta. È un sito Web segreto. Non molte persone lo conoscono, ma ha così tante informazioni fantastiche. Quindi scrivilo subito. È scritto GOOGLE, sì, Google, esatto.

Puoi letteralmente trovare qualsiasi risposta, come per esempio non so come fare dei Facebook Live, come fare Facebook Live. Oppure, non so come creare il mio sito Web, come creare il mio sito Web. Non so come caricare un video su YouTube, come caricare video. Letteralmente, puoi trovare qualsiasi cosa su Google, come se non ci fosse nulla, non so se c’è qualcosa di cui non riesci a trovare informazioni. Quasi tutto, puoi trovare un articolo o un video che ti mostra come farlo. Ma è solo che la maggior parte delle persone è pigra persino a cercare le informazioni, è pigra anche di imparare, è molto più facile dire, “Non lo so. Non so come Posso farlo.”

Questa non è una scusa. Se la usi come una scusa, è perché non sei disposto a riuscire, non sei disposto a scacciarla via dalla tua vita. Perché se tu volessi avere successo, andresti a cercare le informazioni, andresti a trovare la formazione, andresti e impareresti, andresti a guardare i video come fa la maggior parte delle persone libere. Non sto nemmeno parlando di frequentare corsi a pagamento perché se puoi pagare qualcuno, puoi imparare qualsiasi cosa. Oppure vuoi imparare a giocare a golf, paghi qualcuno che ti insegni a giocare a golf. Se vuoi imparare a boxare, paga qualcuno che ti alleni, ma non sto nemmeno parlando di pagare un mentore. Non sto nemmeno parlando di pagare un insegnante, sto parlando di fare tutto gratis.

Puoi andare su Google, puoi andare su YouTube e puoi trovare gratuitamente come fare quasi tutto. Tutto quello che devi fare è solo essere curioso e disposto a farlo. Mai e poi mai nella tua vita d’ora in poi, dovrai dire che non lo sai. Basta crescere e dire, “Come posso sapere? Come potrei imparare? Dove posso trovare queste informazioni? A chi potrei chiedere?” Ma il non so, non deve più esistere nel tuo vocabolario, non devi più pronunciarlo, non devi mai più usarlo.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

BLOCCHI che inibiscono la creatività e FERMANO i tuoi progressi!

Voglio parlare dei blocchi alla creatività e cose che possono davvero fermarti sulla strada del successo.

Vorrei parlarti dei blocchi alla tua creatività e non è solo, come per esempio la creatività del pensare, dipingere, scolpire e creare musica, hai bisogno di creatività ovunque.

Se stai cercando di costruire il tuo business, hai bisogno di creatività per questo, se stai cercando di diventare una persona di successo, hai bisogno di creatività specifica per quello. La creatività è ovunque. Gestire i tuoi social media, richiede un certo grado di creatività. Quindi cosa potrebbe impedirti cosa potrebbe ridurre e bloccare quella tua creatività? Ci sono alcune cose che ora vedremo.

La prima è la paura del fallimento o la paura di fare errori e, in un certo senso, non è colpa tua perché ti è stato insegnato quando andavi a scuola. Sì, perché a scuola, quando vai a scuola, quando vai all’università, ti viene costantemente insegnato a non sbagliare, a non commettere errori perché se commetti errori, è un segno rosso con la penna. Se si commettono errori, si fallisce l’esame. Quindi impariamo a scuola che è male commettere errori, e quindi cerchiamo di evitare gli errori a tutti i costi possibili, il che non è sempre poi così intelligente nel mondo reale che sta là fuori.

La paura del fallimento blocca veramente la creatività di molte persone e impedisce a loro di raggiungere risultati solo per il fatto che hanno paura di sbagliare. Hanno paura di sembrare sciocchi. Hanno paura di fallire, ma in realtà non sanno che le persone di maggior successo sono quelle che hanno spesso fallito. Le persone di maggior successo, sono quelle che hanno fallito di più, che hanno commesso il maggior numero di errori, ma la maggior parte delle persone non la pensa proprio così. Questo è il primo aspetto.

La numero due è la paura dell’egoismo. La paura dell’egoismo, la paura di essere egoisti, la paura che altre persone pensino che tu sia egoista fermano molte persone nei loro affari, impediscono a molti di progredire nella loro vita, perché hanno solo paura . Hanno paura che gli altri possano dire: “Oh, sei avido, o tu questo, quello o quell’altro“. Ma la realtà è che, ehi, non è egoistico voler offrire di più alla propria famiglia. Non è egoistico voler raggiungere il proprio potenziale. Non è egoistico voler aiutare migliaia di altre persone nella tua attività. Non c’è nulla del genere. Non è egoismo!

Se vuoi avere più successo, non è egoistico. In realtà è il tuo dovere. Il tuo compito è avere successo, ma molte persone lo lasciano scivolare via nella loro testa, perché forse ad un certo punto, hanno pensato che qualcuno che ha successo sia solamente un egoista. A volte devi esaminare il tuo pensiero perché se hai paura delle altre persone che dicono che sei egoista, prova a chiederti, ho pensato in quel modo? E forse è lì che è stato piantato il seme.

Il terzo blocco della creatività e che impedisce alle persone di avere successo è la paura del successo. Potresti dire: “Beh, questa è una sciocchezza Steve, posso capire la paura del fallimento, ma sicuramente non può esserci alcuna paura del successo.” Fidati di me, ci sono un sacco di persone che credono a quello che sentono dire, ossia che la paura del successo è anche chiamata sindrome dell’impostore. Quindi ci sono un sacco di persone che potrebbero avere successo, potrebbero progredire nel loro lavoro, potrebbero avere molto soddisfazioni nel loro campo, ma si fermano da sole, smettono di progredire, perché hanno paura che se avranno successo, se cominciano a fare soldi, la gente comincerà a dire che non sono soldi fatti onestamente.

La gente dirà che sta fingendo. E molte altre persone hanno questo in testa: “Bene, questo successo non può durare per sempre, questo non può essere poi così tanto buono. Se sembra troppo bello per essere vero, ci deve essere sotto qualcosa di poco pulito, ci deve essere qualcosa di brutto associato a questo successo. ” E non c’è! Non sei falso, non sei qualunque cosa di negativo, se hai successo semplicemente te lo meriti. Se guadagni molti soldi, te li sei guadagnati. Non c’è niente di sbagliato in tutto questo. Nessuno verrà e ti accuserà. Va bene non sapere tutto, come va bene anche non essere perfetto ma avere molto successo nella tua vita non è un peccato. Non lasciare che la paura del successo inizi a fermarti.

Per ultimo, la numero quattro è la paura dello spreco. La paura dello spreco è fondamentalmente quando una persona ha paura di perdere tempo o risorse come il denaro. Quindi, molto spesso, qualcuno potrebbe avere un’enorme opportunità, un’enorme possibilità, ma dirà: “Bene, e se investissi il mio tempo per il prossimo anno, due anni, tre anni, cinque anni, e poi non si rivelasse essere la giusta scelta? Perderei tutto questo tempo. Bene, cosa succede se investo i miei soldi, Dio non voglia, e se compro prodotti, o investo nel trading, o investo in qualunque cosa, e non risulta poi essere la giusta scelta, oppure la mia vita non ne verrebbe cambiata? Ah, non posso permettermi di perdere tutto questo”.

Eppure, ancora molte persone permettono a questa paura di sprecare la loro vita, le loro risorse, come il tempo o il denaro, e quindi di rimanere fossilizzati nel punto in cui si trovano. Ma indovina che cosa ho per te, non so se sia una buona o una cattiva notizia. Il tempo passerà comunque!

Molto spesso quando parlo a qualcuno della costruzione di un’attività, e loro mi chiedono: “Bene, quanto tempo ci vorrà per fare dei bei soldi?” e io rispondo: “Beh, forse cinque anni, forse sette, forse 10 anni“. E dicono: “Ah, cinque anni per iniziare a fare soldi. È davvero tanto tempo. ” E io rispondo: “Beh, prova ad indovinare un po’ tra cinque anni cosa dirai se non avrai iniziato ora. Tra cinque anni, dirai, beh, vorrei avere iniziato cinque anni fa perché ora almeno sarei già arrivato“.

C’è un proverbio cinese che dice Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso. Quindi tra un anno, vorrai avere iniziato oggi. Quindi perché non iniziare ora? Bene, ma cosa succede se investo cinque anni e non funziona? Allora, hai ancora altri 50-60 anni davanti a te per fare. Va bene. Hai tempo. Vedo così tante persone che hanno appena 20 o 30 anni e stanno già dicendo: “Oh, è troppo tardi“. Che cosaaaa?

Il colonnello Sanders, la persona che ha fondato la catena fast-food americana KFC, ha iniziato quando aveva circa 60 anni e divenne un milionario prima di morire. Quindi se hai 30 anni, se hai 40 anni, se hai 50 anni, rock and roll, hai tutto il tempo che vuoi caro mio. Devi solo cominciare a fare qualcosa. Devi iniziare, smettere di aspettare, smettere di pensare, smettere di meditare, iniziare a fare la cosa maledetta, iniziare a inseguire il tuo sogno, iniziare a raggiungere la tua visione, iniziare a lavorare sulla tua missione. Va bene, hai tempo, anche se non funziona, ricomincia, ricomincia.

Quando Edison cercò di realizzare la prima lampadina provò 5000 volte senza successo, fallì 5000 volte e un giornalista che era andato a intervistarlo gli chiese: “Come ti senti dopo aver fallito 5000 volte?” e Edison rispose: “Non ho fallito 5000 volte, ho appena trovato 5000 modi in cui non funzionerà. E sono 5000 volte molto più vicino al modo in cui funzionerà“. Alla fine hai capito perché oggi riusciamo ad accendere le lampadine? Quindi prova ad immaginarti quella scena, prova ad immaginare se Edison avesse rinunciato, avresti comunque continuato ad usare le lampade al cherosene! E’ quello che vogliamo?

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

4 Tipi di Persone nel MARKETING DI RETE

Oggi ti parlerò dei quattro tipi di persone che praticano il network marketing.

Voglio condividere una piccola lezione che ho imparato da un mio mentore, di cui ho recentemente visto la sua formazione su questo argomento.

1a TIPOLOGIA DI NETWORKER

Il primo gruppo di persone nel network marketing sono i venditori e reclutatori. Queste sono le persone che vendono i prodotti, vendono l’opportunità di business o vendono il sogno. Quindi questo equivale a usare i muscoli. Queste sono le persone che si stanno impegnando, stanno adottando l’approccio della forza bruta al network marketing, vendono prodotti e reclutano persone nel business. Il vero problema è che molte persone restano a questo livello, restano sempre venditori o reclutatori, non vanno mai oltre. Ma ci sono altri tre livelli.

2a TIPOLOGIA DI NETWORKER

Il secondo livello se ti piace la carriera come professionista del network marketing sono i duplicatori. Quindi se stai solo vendendo ma nessun altro sta vendendo nella tua squadra, non stai duplicando. Se stai reclutando altre persone, ma le tue persone non lo stanno facendo, di nuovo, non stai duplicando.

Nel secondo livello quello dei duplicatori, troviamo quelle persone che non stanno solo vendendo e reclutando, ma hanno ripetuto lo stesso processo nella loro squadra. Ciò significa che stanno addestrando altre persone. Stanno aiutando altre persone a vendere il sogno. Quindi stanno condividendo l’opportunità e stanno condividendo le conoscenze su come farlo in modo che i loro membri della squadra comincino a fare la stessa cosa affinché il processo sia in grado di espandersi e ad iniziare a posizionarsi. Questo è il secondo livello della tua carriera nel network marketing.

3a TIPOLOGIA DI NETWORKER

Il terzo livello nella tua carriera nel network marketing è quella di leader. Quindi hai venditori e recruiter, hai duplicatori e poi hai leader. I leader sono quelli che comunicano la visione, che trasmettono la passione, che definiscono l’obiettivo e ispirano le altre persone a diventare leader nei loro team e fanno crescere enormi organizzazioni. Questo è il terzo livello.

4a TIPOLOGIA DI NETWORKER

E poi l’ultimo livello il numero quattro, che personalmente penso, molto raramente le persone possano raggiungere. Non molte persone infatti lo raggiungono nel network marketing, di sicuro io non l’ho ancora raggiunto, questo traguardo è quello del visionario. Ho avuto il piacere di imparare da persone che sono visionarie nel settore del network marketing e che hanno creato team di 500.000 persone, un milione di persone, che hanno aiutato altre persone a diventare milionari nei loro team. Questi sono dei  veri visionari.

Quindi queste sono le persone con una grande immaginazione, con una visione e desiderio di trasmetterlo alle generazioni, per lasciare un’eredità. Queste persone non sono solo nel network marketing per i guadagni, per fare soldi, ma sono qui per lasciare un segno. Sono qui per lasciare un’eredità alle spalle, dove le persone li ricorderanno per molti, molti anni a venire. E questo è il quarto livello chiamato visionario. Quindi poniti una domanda a quale livello della carriera di network marketing sei in questo momento e a quale livello vorresti raggiungere? Cosa aspiri a raggiungere nella tua carriera di network marketing.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!

Sei Un Vero Guerriero?

Oggi voglio parlare di cosa significa essere un guerriero?

Nello specifico, nel mondo degli affari, nel mondo dello sviluppo personale, nel mondo della crescita, ti incoraggio davvero a guardarti come un guerriero. Perché quando ti guardi come un guerriero, ti dà forza, ti dà quella resilienza, ti dà quel potere, non è vero questo? Ma cosa significa davvero essere un guerriero?
Ricordo di aver visto questa citazione in una palestra dove mi allenavo e penso che sia stata la migliore citazione di sempre in merito a come essere un guerriero, e la citazione recitava qualcosa del genere, “Un guerriero non è una persona che sconfigge un’altra persona, un guerriero è una persona che sconfigge lui stesso. Un vero guerriero non è la persona che sconfigge un’altra persona, è la persona che si sconfigge“.

Cosa significa?

Significa che si tratta di conquistare le proprie paure. Si tratta di conquistare i propri limiti. Non si tratta di combattere contro altre persone. Non si tratta di confrontarsi con altre persone. Non si tratta di essere meglio di qualcun altro. L’unica persona con cui dovresti confrontarti è la tua versione di ieri, o la tua versione del mese scorso e così via. Questa è l’unica cosa con cui dovresti confrontarti è la tua versione precedente.

Quindi la chiave del progresso, la chiave dell’auto realizzazione, la chiave per raggiungere i tuoi obiettivi e le tue ambizioni è superare i tuoi limiti perché tutti i limiti che stai vivendo in questo momento, sono tutti nella tua testa. Come le entrate, potresti dire: “Beh, sono bloccato a 3000 euro al mese, o sono bloccato a 5000 euro al mese“.

Bene, quello bloccato a quella quantità, è tutto nella tua testa, perché pensaci, ci sono persone che guadagnano 50.000 euro al mese. Certo che ci sono. Ci sono persone che guadagnano 100.000 euro al mese. Bene, certo che ci sono. Ci sono persone che guadagnano 200.000 euro al mese. Certo che ci sono. Qual è la differenza tra te e loro? Hanno tre gambe o quattro braccia o due teste o qualcosa del genere? No, non le hanno. Sono esattamente come te. Hanno una testa, due braccia e due gambe. Quindi qual è la differenza?

La differenza sono i limiti che ci poniamo. Molto spesso fissiamo i nostri limiti, diciamo quanto possiamo esercitare e quanto velocemente possiamo correre, quanto possiamo guadagnare, quanto in alto possiamo salire per la scala della carriera, dove possiamo permetterci di andare e dove non possiamo permettercelo. E così mettiamo i nostri limiti nelle nostre menti, mettiamo i nostri limiti nelle nostre vite. Quindi, se superi questi limiti, questo è il segno di un vero guerriero, il che significa che hai sconfitto il tuo limite, hai sconfitto la tua stessa paura e la paura è solo un’altra parola per dire “limitazione”.

Perché se hai paura di fare un video su Facebook Live, se hai paura di parlare con gli estranei, se hai paura di vendere qualcosa, se hai paura di costruire la tua attività e diventare un imprenditore, questi sono tutti limiti. La tua paura è solo il limite che hai fissato nella tua vita e hai detto: “Bene, questa è la mia bolla, questa è la mia bolla di sicurezza. Non riesco a uscire dalla bolla di sicurezza. Questo è tutto“. Se vai oltre, dici “Oh, in realtà, non è così spaventoso. In realtà, non è poi così male, sono sopravvissuto, sono ancora vivo, posso continuare”.

La paura è solo il limite. Quindi superare le tue paure, i tuoi limiti e limiti autoimposti ti renderà libero, ti renderà una persona migliore, più veloce, più coraggiosa. In modo che tutto ciò che significhi diventare un vero guerriero, sia dominare la tua mente, sia dominare il tuo comportamento. E una volta che lo fai, nessuno e niente può fermarti. Nulla può ostacolarti. Niente può mettere alcun ostacolo davanti a te. Puoi ottenere tutto ciò che desideri. Desideri creare una società da svariati milioni di  euro, vai a farlo. Desideri cambiare centinaia di migliaia o milioni di vite delle persone, vai a farlo. Come se non ci fosse limite, perché qualcun altro l’ha già fatto. Pensa a tutto quello che vuoi, qualcun altro l’ha già fatto.

Se qualcun altro l’ha fatto, perché non tu? Questa è una delle mie domande preferite. Perché non tu, Cristina? Perché non tu? Perché non tu Francesca? Perché non tu Luca? Perché non tu? Perché non tu? Perché non stai guadagnando migliaia di euro in questo momento? Perché non stai guidando una Ferrari? Perché non stai guidando un team di centinaia di migliaia di persone? Perché non tu? E se ti facessi questa domanda, e tu dovessi darmi una risposta, mi daresti una risposta. Ma sai quale sarebbe quella risposta? Sarebbe una storia, una scusa.

Sarebbe una storia che hai creato, perché non stai facendo i soldi che vuoi fare, una storia che hai creato, perché non hai la relazione che vuoi avere, una storia che hai creato perché non sei in forma come vorresti essere. Tutto è solo una storia, ogni limite nella tua vita, qualsiasi limite è solo una storia autoimposta. Quindi, se ti chiedo, cosa ti impedisce di pensare in grande in questo momento? Quale storia dovrei ascoltare. Se ti chiedessi che cosa ti impedisce di avere successo? Cosa ti impedisce di fare tutti i soldi del mondo? Non devi rispondermi ma rispondi a te stesso e ascolta quella risposta. È davvero vero?

Perché quella risposta potrebbe sembrare: “Oh, non sono abbastanza intelligente. Oh, non sono abbastanza bravo. Oh, forse possono fare tanti soldi, ma non io. No“. Sarà una storia che capirai sicuramente che non è vera. Non è reale. È solo una storia che hai modellato nella tua testa. È solo una limitazione che hai creato, ma puoi superarla. Puoi superarla perché se lo fanno altre persone, puoi farlo anche io. Stai abbastanza bene. Sei abbastanza intelligente. E lo sei bene anche tu.

Puoi fare tutto quello che vuoi. Se diventi un guerriero e superi i tuoi limiti e vinci le tue paure, è tutto ciò che devi fare. Tutto ciò che hai sempre desiderato nella tua vita è dall’altra parte del lato della paura. Se lo superi, tu otterrai tutto ciò che vuoi.

Questo è il mio insegnamento e il mio consiglio per te. Spero che tu abbia apprezzato un po’ di valore in questo post, e se lo hai fatto, sentiti libero di condividerlo con altre persone. Se desideri entrare a far parte della mia squadra, non devi far altro che contattarmi ora attraverso questo modulo.

Al tuo successo!