Come Essere Leader nel Tuo Settore Sui Social

Se sei stufo di sentir parlare sempre dei tuoi concorrenti, questo articolo fa per te.

Quindi leggilo tutto e scopri come diventare un vero e proprio leader nel tuo settore, spazzando via la concorrenza.

Si ok Steve, ma nella mia città sono decenni che altre attività commerciali la fanno da padrone, hanno più soldi, sono più conosciuti, hanno più budget da investire per la pubblicità.

Capisco perfettamente quello che dici, ma oggi i social possono davvero cambiare a tuo favore questa gerarchia.

E’ arrivato il momento di diventare l’autorità nel tuo settore. Ma devi essere pronto a fare 2 COSE che a non tutti piace fare o perché non ne hanno il coraggio.

1) METTICI LA FACCIA

Uscire dall’oscurità apparendo e mostrandoti in prima persona, è il passo principale per diventare l’autorità nella tua zona. Ci guadagnerai in visibilità e soprattutto le persone si fideranno maggiormente di te.

Ti sei mai fidato di qualcuno che non ci mette la faccia? Che non appare mai? E se magari avesse qualcosa da nascondere?

Ricorda sempre che la DIFFIDENZA è la prima battaglia che ognuno di noi si trova a combattere ogni giorno.

Facciamo un esempio che può aiutare a capire meglio.

Secondo te, ispira più fiducia un post in cui viene raccontato il solito prodotto con una riga di testo oppure un video in cui il proprietario o il gestore del punto vendita parla dei benefici del prodotto? O meglio ancora, oltre ai benefici, viene fatto un elenco dei problemi che può risolvere a chi lo usa?

Capisci, nel secondo caso la faccia è stata messa eccome, dimostrando pubblicamente di conoscere quello che si voleva vendere, chi di dovere si è calato nei panni del cliente posizionandosi nella mente del pubblico come  ESPERTO E AFFIDABILE.

BASTA SCUSE
BASTA DIRE MI VERGOGNO
METTICI LA FACCIA E FAI CENTRO!

La seconda cosa da fare per diventare il leader nel tuo settore….

2) DI LA TUA

I tempi della scuola sono ormai finiti, non ci sono professori frustrati a giudicarti o compagni pronti a prenderti in giro.

Sono anni che lavori nel tuo mercato, hai maturato esperienza, ne hai viste di tutti i colori, ne avrai di roba da dire che può interessare a qualcuno, no?

Ok Steve, ma se poi parlo di temi che qualcuno non condivide?

Non ti ho mica detto che devi diventare il politico della situazione. Ti sto suggerendo di parlare del tuo lavoro, della tua passione che metti nel portarlo avanti, dei valori su cui è fondata la tua attività, di come vedi il tuo mercato di riferimento.

Insomma, parla di roba che conosci bene.

Sto per dirti una cosa forte, quindi massima attenzione:

NON DEVI PIACERE PER FORZA A TUTTI

Dimostra di essere competente raccontando la tua con sincerità, educazione e rispetto. Vedrai che le persone che la pensano come te cominceranno a seguirti e vederti come il leader nel tuo settore.

Mettiti in moto, comincia a fare queste 2 COSE di cui abbiamo parlato e vedrai che la concorrenza si renderà conto di avere un problema in più….

TU!

Sai perché la duplicazione NON funziona?

Le tattiche convenzionali di network marketing sono in larga misura pratiche destinate a funzionare solo per leader naturali e imprenditori con tantissime conoscenze in target.

Le tecniche “insegnate” più spesso non sono il semplice “punto di vista” di una specifica azienda, di uno specifico team, o di uno specifico formatore.

Non sono nemmeno reali tecniche di vendita.

Si tratta di un “patto segreto di sfruttamento Gonzi” che proviene da una stretta alleanza di autori, formatori, guru, motivatori, aziende.

E’ tutta la baracca ad essere basata su abitudini semplificate e impraticabili, e sul presentare questi professionisti della fuffa come guru e modelli da seguire.

Il resto, ciò che funziona, sono abitudini create da campioni, destinate a già campioni.

E’ come promettere ad un aspirante bodybuilder di poter diventare come The Rock, “basta che inizi fin da subito a seguire la sua scheda allenamento e ingurgitare 5000 calorie al giorno“.

Quanto potrebbe durare, quest’aspirante, prima del tracollo fisico? Due giorni?

Non a caso, parliamo di tecniche promosse da leader che si conoscono tutti fra loro, che fanno branco, e non osano dire una sola parola storta l’uno contro l’altro, in pubblico.

Ma prendili uno alla volta in disparte, offrigli una birra, e vedrai come, a lingua sciolta, ti racconteranno le peggiori nefandezze commesse da questi “rispettabilissimi” guru, in nome del passaparola e della condivisione!

Analizza anche solo una parte di quanto viene promosso con le tecniche convenzionali di network marketing, e guarda con attenzione a quanto siano “consigli utili”, ma solo in apparenza.

Le tecniche convenzionali di network marketing prevedono super sessioni di stesura lista nomi, sessioni a sfinimento di chiamate a freddo a quella stessa lista nomi, e decine di appuntamenti giornalieri con quelli che riesci ad estrarre dalla lista nomi e trascinare al bar o nella hall di un hotel.

Ma quanti di loro hanno parenti o amici d’infanzia attivi (e di successo comprovato), nelle loro downline?

Come mai le loro “tecniche comprovate” non riescono a duplicarli nemmeno con i loro amici e parenti?

Le tecniche convenzionali di network marketing prevedono di ottenere 99 rifiuti, prima di un sì.

Che significa perdere il saluto di 99 parenti e amici ogni 100, e perdere la faccia davanti a chiunque ti conosca, finendo per essere bollato come sfigato o credulone.

Questo come dovrebbe aiutarti a diventare la persona che desideravi essere?

Le tecniche convenzionali di network marketing prevedono di perdere tantissimo tempo in attività ripetitive e ammorbanti, i cui risultati non sono affatto “garantiti”.

Come può essere sicuro e duplicabile, qualcosa che fai senza sapere cosa puoi ottenere davvero? E che ti fa perdere la faccia con gli sconosciuti, e il saluto di parenti e amici?

Le tecniche convenzionali di network marketing promettono semplicità e libertà, ma ti ritrovi a dover sacrificare il tuo lavoro da dipendente per fare attività, a sacrificare le tue sere e le domeniche per partecipare agli eventi aziendali, a sacrificare il tempo che dedicavi alla tua famiglia per dedicarlo a telefonate e appuntamenti inconcludenti.

Rinunciare a tutti i tuoi affetti e svaghi, come dovrebbe aiutarti a diventare “libero”?

Le tecniche convenzionali di network marketing danno un’importanza esagerata alla motivazione.

Ma chi ha davvero bisogno di motivazione, quando ha un sogno da realizzare in cui crede realmente?

Le tecniche convenzionali di network marketing prevedono eventi in cui viene data un’importanza esagerata all’acquisto all’ingrosso di prodotti aziendali da parte del distributore.

Peccato che la legge italiana vieti di rivendere i prodotti acquistati.

Come può essere valida un’azienda che ti obbliga a violare la legge, per guadagnare due spicci, in nero, in più?

Le tecniche convenzionali di network marketing sottolineano l’importanza dell’autoconsumo.

Quale autoconsumo potresti garantire, se invece di vendere integratori, dovessi vendere bare, barche o automobili?

Le tecniche convenzionali di network marketing promettono dei risultati esagerati, miracolosi, e per dimostrarlo, portano sui palchi degli eventi più importanti degli autentici mostri di bravura, talenti naturali di leadership, vendita o motivazione, presentandoli come Guru o modelli duplicabili.

Ma i talenti non sono duplicabili, altrimenti saremmo pieni di Cristiano Ronaldo, Floyd Mayweather, Roberto Re, e il network marketing di talenti alla Carlos Calçada Bastos.

Vuoi un esempio?

Prova a duplicare Carlos Calçada Bastos, dicendo ciò che dice lui, nel modo in cui lo dice lui, usando le stesse parole che usa lui, e dimmi se riesci ad ottenere gli stessi risultati che ottiene lui.

Se la duplicazione è il vero segreto del successo nel network marketing, perché Herbalife non trabocca di leader, “duplicati” di Carlos Calçada Bastos?

Forse perché la duplicazione di un leader è pura fantasia, una pia illusione.

Perché? Perché solo il 10% della comunicazione è verbale.

Il 55% della comunicazione avviene tramite gesti, viso, abbigliamento, chimica, e il 35% dalla sola voce.

Lo dicono gli studi degli psicologi come Mehrabian e Argyle, non lo dico io.

Sei davvero convinto di poter duplicare anche il non verbale, del tuo leader di riferimento?

Quindi, mettitela via. Non si possono duplicare i leader!

Se vuoi diventare un leader, devi diventare un leader “a modo tuo”. Non puoi copiarne uno esistente.

Proprio perché troppa importanza è data alla duplicazione, le tecniche convenzionali di network marketing non sono personalizzate in base alle abilità e alle caratteristiche del singolo networker, in modo da poterne soddisfare i bisogni, i limiti naturali, lo stile di vita, le necessità, e gli obbiettivi personali.

Ciò produce difficoltà a partire, difficoltà a proseguire, difficoltà a restare concentrati.

E queste difficoltà diventano la fonte principale di nuove frustrazioni.

E la frustrazione porta a sentirsi dei falliti e, infine, all’abbandono dell’attività.

Le tecniche convenzionali di network marketing incoraggiano l’abuso della lista nomi, semplicemente perché in assenza di questi contatti personali, basati su relazioni costruite negli anni, e più o meno reali, semplicemente il network marketing non funziona.

Perché la maggior parte dei networker non ha la minima idea di come generare contatti di potenziali interessati al prodotto o all’opportunità, senza ammorbare la vita di parenti, amici o sconosciuti.

Gran parte del mondo del network marketing, minimizza il problema di perdere la faccia davanti a parenti e amici, come se rinunciare alle relazioni costruite in decenni di vita insieme, siano una fesseria, dinnanzi alle promesse di ricchezza infinita che ti vengono prospettate.

Questa parte del sistema, che asseconda e valorizza le facce di bronzo dotate di parlantina e tanto pelo sullo stomaco, glorifica la maggior parte dei leader esistenti, che null’altro sono che truffatori della peggior risma.

Gente che venderebbe la mamma al mercato nero, se gli potessero garantire una provvigione mensile adeguata.

I “parassiti del passaparola” ti fanno fare la lista nomi perché non hanno null’altro da insegnarti.

Altro che professionisti ed esperti di marketing.

Questo atteggiamento ha disonorato in maniera aberrante l’intero settore, rendendolo attraente solo per le sue vittime, convinte che la ricchezza sia a distanza di un click, e per i loro carnefici.

Ma esiste un’altra faccia del network marketing, quella pulita, che non ha niente a che fare né con i creduloni fannulloni (i famosi imprendidioti da divano), né con i vampiri (i parassiti del passaparola), né con i loro leccapiedi e portaborse.

Quella faccia che non crede alle sciocchezze, alle bugie, alle truffe, alle promesse degli schemi piramidali, o alle routine costruite su passaparola e lista nomi, inutili e impraticabili per la maggior parte dei networker là fuori.

Entra a far parte di No Limits People, e ti mostrerò l’originale sistema professionale e duplicabile per fare network marketing in Italia, SENZA LISTA NOMI, senza telefonate a freddo e senza perdere la faccia con amici e parenti, anche se hai poca o nessuna esperienza.

Che stai aspettando?

Altrimenti, buona lista nomi!

Come Entrare Nella Testa del Cliente

“Diventa il suo unico riferimento grazie ai Social Network”

Oggi rispondiamo ad una domanda che in tanti ci fanno molto spesso:
“come posso mettere il mio prodotto o servizio nella testa dei potenziali clienti?”.

La risposta è: si può fare con semplicità!

La ricetta segreta da utilizzare per entrare nella testa delle persone è semplice e potente.

Grazie alle conoscenze e agli strumenti che oggi abbiamo a disposizione possiamo ottimizzare tutto al meglio.

Eccoti “La ricetta ” :

  • 500 gr di STORYTELLING , ovvero raccontare storie per trasmettere i tuoi valori, competenze e la qualità dei tuoi prodotti/servizi.
  • inserisci tutto nel frullatore dei SOCIAL NETWORK
  • metti un pizzico di  CONTINUITÀ

Ragazzi seguendo questi passaggi avrete “Un Sistema” potente e semplice che vi consentirà di diventare gli “Unici” nella testa delle persone.

Perché ?

I Social sono il mezzo per diffondere in modo veloce la nostra voce.

La continuità è fondamentale per posizionarsi come Leader.

Lo storytelling deve rispettare 4 principi:

  1. La semplicità; pensiamo a Hillary Clinton. Ha vinto le elezioni concentrandosi su un unico messaggio: “È l’economia, stupido!”
  2. La sorpresa; dobbiamo catturare l’attenzione. Coinvolgere le persone fino a portarle a leggere, vedere i nostri contenuti.
  3. La concretezza; ovviamente una volta raggiunta quell’attenzione, non bisogna lasciarsela sfuggire via. Non esagerare con le astrazioni! Sii concreto!
  4. La credibilità; sfrutta il personaggio che ti sei creato per dare autorità al tuo messaggio.

Metti in pratica questi principi con costanza e vedrai come aumenterai in modo esponenziale quelle che sono le richieste/visite del tuo prodotto/servizio.

Grazie per l’attenzione a presto !